L’Associazione culturale Castle of Fantasy rinnova i suoi organi sociali e programma le attività per il 2020. Il gruppo di giovani trichianesi nato attorno all’organizzazione della prima edizione di Dolomiti Fantasy, nel 2018 si era strutturato con la fondazione di Castle of Fantasy. A quasi 2 anni dalla costituzione dell’associazione, la decisione di anticipare il rinnovo delle cariche in modo da poter pianificare già nell’autunno le attività per il prossimo anno.

“Abbiamo colto l’occasione per allargare la partecipazione al Consiglio Direttivo a tutti coloro che si sono avvicinati in questi anni alla nostra realtà, curiosi di saperne di più e con tanta voglia di darsi da fare” afferma la nuova Presidente di Castle of Fantasy, Giulia Da Ros. 29 anni, Da Ros è molto attiva nel mondo del volontariato trichianese, come anche i Vicepresidenti Chiara Balzan e Gianluca Schiocchet. Fanno parte del Consiglio Direttivo anche Massimo Costan Zovi (Tesoriere), Alessia Telese (Segretaria), Francesco Bernard , Alberto Bortot, Mattia Costan Zanon, Enrico De Nard, Alice Marcon, Davide Osteo, Didier Papagni, Chiara Ranon, Andrea Trinceri.

“Dopo il rinnovo delle cariche ci siamo riuniti già un paio di volte per programmare le attività del 2020 – prosegue Giulia Da Ros – Sicuramente possiamo annunciare il ritorno di Dolomiti Fantasy al Parco Lotto di Trichiana. Siamo al lavoro per una terza edizione coi fiocchi, ma è ancora presto per svelare i dettagli. Inoltre, abbiamo intenzione di replicare le serate Cinefantasy durante l’anno, ovvero proiezioni di film a tema fantasy a ingresso gratuito. Infine, abbiamo avviato un progetto con le scuole di Borgo Valbelluna che era un nostro sogno nel cassetto da tempo.”

Il progetto è denominato “Dolomiti Fantasy Expo” e si tratta di un’iniziativa destinata agli alunni delle scuole medie del territorio, i quali potranno produrre degli elaborati artistici nell’ambito del tema loro assegnato, che saranno esposti in una mostra aperta durante tutte le giornate di Dolomiti Fantasy 2020.
“L’idea alla base delle nostre iniziative è quella di far emergere contenuti culturali sicuramente nuovi in un territorio come quello bellunese, ma molto interessanti per i più giovani – conclude la Presidente di Castle of Fantasy – Lo abbiamo fatto prima di tutto con Dolomiti Fantasy, facendo conoscere ai bellunesi attraverso l’intrattenimento il mondo del fantasy e del cosplay; da adesso proviamo a farlo anche con progetti culturali che coinvolgano ragazzi e ragazze del nostro territorio”.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *